Apri menu Chiudi menu
Le Storie

La Calabria continua a darci soddisfazioni.
Primo giorno di lavoro per altri due detenuti di Laureana di Borrello, istituto a custodia attenuata che dista 70 km da Reggio, accoglie 56 uomini e del carcere non ha nemmeno le parvenze.
Oggi cominciano la loro vita nuova due “ragazzi” tra i 40 e i 50 anni provenienti dalla piana di Gioia Tauro e con famiglie a carico. Dopo accurata selezione la capoarea Simona Prossomariti li ha portati a colloquio con un imprenditore edile del reggino coinvolto da Valeria Votano di Seconda Chance Calabria. Per cominciare S. e G. hanno ricevuto un contratto di tre mesi arrivato grazie alle competenze professionali, alla serietà, alla smania di riscatto.
Non è una detenzione vana quella che si trascorre a Laureana: qui tutti imparano un mestiere, la falegnameria, il laboratorio di ceramica, la serra offrono una concreta possibilità di uscire definitivamente dal circuito penitenziario.
È ovvio che un carcere con 60 detenuti è un gioiello e non si può paragonare ai tanti gironi infernali che conosciamo. Teniamoci stretto Laureana di Borrello.

Vedi tutti

Contatti Entriamo in contatto

Compila il form con in tuoi dati




    Tutti i campi sono obbligatori

    Selezionando questa casella, acconsento i termini di privacy ai sensi dell'art. 13 del GDPR (Regolamento UE 2016/679)* Leggi
    l'informativa privacy